Corrado Ocone
Corrado Ocone Corrado Ocone Corrado Ocone Corrado Ocone Corrado Ocone Corrado Ocone
Saggi e articoli
29 aprile 2012
Risorge il pregiudizio contro il profitto

Corrado Ocone - La lettura/Corriere della sera

Non c’è forse parola che susciti più forti e viscerali reazioni di quella di capitalismo. E forse è giunto il tempo di depotenziarla, riconducendola al suo ambito specifico di applicazione: l’economia. In questa opera di sottrazione, il dotto libro di Diego Fusaro non aiuta certo. Per l’autore, come già per Marx, il capitalismo ingloba e determina per sua natura ogni aspetto della vita, reale e simbolico, finendo per farci perdere ogni autenticità umana e facendoci considerare “naturale” e definitivo l’assetto attuale del mondo e persino il modo di essere della nostra concreta esistenza. La “fenomenologia dello spirito capitalistico”, come la chiama l’autore, deve perciò certo mostrarci come funziona il meccanismo egemonico che ci tiene in pugno, ma deve anche coincidere con la consapevolezza che un’alternativa ad esso è non solo possibile ma anche auspicabile. Essa, la si chiami o no comunismo, aiuterà a dispiegare le enormi “potenzialità ontologiche” dell’essere umano: “ciò di cui oggi più si avverte il bisogno -scrive Fusaro - è un nuovo illuminismo che contesti l’Assoluto capitalistico e l’esistenza di presunte leggi economiche oggettive della produzione, sottoponendo a critica l’onnipervasivo monoteismo del mercato senza per questo cadere nell’elogio nostalgico dei comunismi novecenteschi”. In sostanza, l’autore dice: riproviamoci ancora!
Collocato nel suo alveo naturale, che è appunto quello hegelo-marxiano, non è difficile individuare pregi e limiti di questo libro, sempre documentato e ben scritto. Al contrario dei pensieri antagonisti oggi particolarmente attivi, movimentisti e antipolitici, la prospettiva di Fusaro è saldamente ancorata al realismo politico e storicistico. La sua analisi è quindi preziosa per capire genealogicamente il nostro mondo, i rapporti di forza che lo determinano, l’origine storica non pura di molte istituzioni umane. Essa è un richiamo alla serietà del pensiero e alla hegeliana “fatica del concetto”, contro le semplificazioni di molte teorie contemporanee (non è un caso che Fusaro critichi sia il postmoderno sia il “nuovo realismo” oggi alla moda). Purtroppo, accanto a questa preziosa opera descrittiva, fa capolino in ogni pagina, e si intreccia ad essa, la valutazione morale negativa connessa al pregiudizio anticapitalistico. Tanto che alla fine il più grosso limite del libro è proprio un limite di scarso realismo. Fusaro non porta fino in fondo il suo ragionamento dialettico, non facendo i conti in modo radicale con quella natura contraddittoria dell’essere umano che aveva fatto parlare Kant di “legno storto dell’umanità”. La forza del capitalismo, a ben vedere, è proprio quella di non demonizzare la tendenza umana alla ricerca dell’utile e del profitto. Una tendenza che andrebbe non affrontata di petto, come qui viene auspicato, ma regolata e incanalata verso fini più generali e sociali.

DIEGO FUSARO, Minima mercatalia. Filosofia e capitalismo, saggio introduttivo di Andrea Tagliapietre, Bompiani, pagine 504, euro 13,90.

In Evidenza
30 luglio 2017

Allah e la scienza
Santa Severa
Ore 21,00. Castello di Santa Severa (frazione di Santa Marinella, provincia di Roma, Via Aurelia SS1 Km 52,600). Presentazione del libro di Elio Cadelo, Allah e la scienza: un dialogo impossibile? (Palombi) Introduce; Irene Pignatelli. Presenta: Corrado Ocone
07 giugno 2017

Gli Scritti selvaggi di Desiderio
Roma
Ore 18,00. Fondazione Luigi Einaudi (Largo dei Fiorentini, 1). Presentazione del volume di Giancristiano Desiderio, Scritti selvaggi. O della lotta con la vita che ci divora (Rubbettino). Saluti: Giuseppe Benedetto. Intervengono: Gennaro Malgieri, Corrado Ocone, Nicola Porro. Modera: Giuseppe di Leo. Organizzata dalla Fondazione Luigi Einaudi di Roma.
24 maggio 2017

Benedetto Croce e i valori dell’Occidente
Roma
Ore 18,00. Centro Studi Americani (Via Michelangelo Caetani, 32). "Benedetto Croce e i valori dell'Occidente". Saluti: Paolo Messa. Intervengono: Fausto Bertinotti, Marco Gervasoni, Luciano Pellicani, Gaetano Quagliariello. Modera: Alessandro Giuli. L'incontro prende spunto dai volumi di Corrado Ocone: Attualità di Benedetto Croce (Castelvecchi) e Il liberalismo nel Novecento. Da Croce a Berlin (Rubbettino)
Ultimi Libri
2016
Corrado Ocone
Attualitá di Benedetto Croce
Castelvecchi editore
2016
Corrado Ocone
Il Liberalismo del novecento
Rubettino